Come abbassare il costo delle proteine in razione con foraggi, integratori e inoculi

agroteamCon l’aumento del costo della farina di estrazione di soia è aumentato di conseguenza anche il costo degli altri proteici, facendo crescere la preoccupazione negli allevatori sempre più disorientati da chiunque entri in azienda. Qui in Agroteam abbiamo studiato tre metodi per abbassare la quota proteica o il costo delle fonti proteiche, attraverso l’utilizzo dei nostri prodotti sia essi foraggi, integratori o attraverso l’utilizzo congiunto di mix foraggeri ed inoculi:

Aumentare la produzione di flora microbica ruminale: Qui entra in campo lakappad_Miscugli “Forage Philosophy” di Agroteam che consiste nel rendere più digeribile i foraggi da parte del rumine, quindi ciò che viene ingerito dall’animale viene trasformato in maggiore energia e proteine microbiche. Con l’utilizzo dei mix foraggeri Texas Mix, Colorado Mix o Dakota Mix si incrementa l’efficienza ruminale che si traduce in un aumento del latte prodotto ed in una diminuzione dei casi di acidosi nel breve periodo, mentre nel medio-lungo periodo crescerà notevolmente anche la fecondità della mandria.

Integratori zootecnici HTF_Agroteam S.p.A.Sostituire una parte delle proteine da concentrati con una modesta quantità di urea: In questo caso l’intervento del nutrizionista è fondamentale in quanto si va a manipolare la razione utilizzando 40-50 grammi/capo/giorno di urea al posto dei 260 grammi di soia, con costi ben diversi. In questo caso Agroteam mette a disposizione dei propri clienti 2 integratori zootecnici adatti a questo tipo di manipolazioni l’Utility Rumen NPN e il Complete Vit U. Entrambi sono integratori adatti ad innalzare il tenore proteico della razione. Ovviamente nella sostituzione si dovranno verificare le diverse fonti proteiche della razione.

Inoculi BiotalAccrescere il contenuto proteico dei foraggi: Questo concetto parte dal lavoro in campo e da una regola basilare che pochi applicano “le proteine nel foraggio si aumentano tagliandolo giovane”. Anche pochi giorni di ritardo abbassano drasticamente la percentuale di proteina. In questo caso un ruolo importante lo giocano le leguminose e le graminacee che, se falciate al momento giusto, aumentano la quota proteica. L’utilizzo connesso tra mix foraggeri e inoculi è la soluzione ideale sia per l’insilamento che per la fienagione.

In caso di insilamento:

  • Far appassire il foraggio fino ad un minimo di sostanza secca del 40%;
  • Inoculare con Small Grain Gold Biotal, che assicura il mantenimento della proteina e ottima appetibilità;
  • Inoculare con Wholecrop Legume Gold nel caso di foraggi più maturi.

In caso di fienagione:

  • Inoculare con Biohay Biotal, spruzzato con spray sulla rotoballa mentre la si pressa. L’utilizzo di questo inoculo infatti permette di imballare foraggio anche se questo non ha raggiunto lo stato ideale di essicazione. Biohay consente inoltre la fienagione ad estate avanzata, quando la qualità delle mediche è massima, ma lo è pure la difficoltà di essiccarle.

In ultima soluzione vi è pure l’opportunità di utilizzare come foraggio proteico la soia a pianta intera. Falciata, appassita ed insilata, trattata con Whole Crop Legume Gold Biotal, può rappresentare una fonte proteica di grandissimo interesse, con un ulteriore abbassamento dei costi alimentari.

I commenti sono chiusi